MA CHE SPETTACOLO … L’album che (non) aspettavi!

front


MA CHE SPETTACOLO … L’album che (non) aspettavi!

A distanza di due anni e mezzo Umberto Tozzi è tornato con un nuovo album. Il fan, si sa, ha sempre sete di nuove canzoni dal proprio idolo, quindi in cuor nostro tutti speravamo in un nuovo lavoro prima o poi. Forse non lo aspettavamo adesso, o meglio, lo aspettavamo in una forma diversa. “Ma che spettacolo” invece è non solo un ritorno non previsto, ma soprattutto molto gradito. Gradito perché il nuovo album ci porta un Umberto Tozzi particolarmente ispirato e non solo nella veste di compositore, ma anche nella veste di validissimo arrangiatore e musicista. Il nuovo disco di Umberto risulta tale nel vero significato dell’aggettivo. Innegabile che il nuovo album sembri figlio di un momento di maggior vivacità creativa rispetto a quello che ha dato vita agli inediti di “Yesterday, Today”. Lo si nota nella sostanza (testi e musiche) ma anche nella forma (arrangiamenti). Non ce ne voglia il buon Greg Mathieson, al quale il tozzimondo sarà sempre legato, ma c’era tanta voglia di ascoltare qualcosa di nuovo e di diverso. Ed il nuovo è arrivato per merito dello stesso Umberto, che si è rimesso in gioco ed  ha curato gli arrangiamenti di tutte le canzoni (non succedeva forse dai tempi di “Eva ed Hurrah”) ed ha suonato le tastiere nella maggior parte dei brani. Arrangiamenti moderni e curati, dove Umberto ha messo dentro però anche molto della sua esperienza ultradecennale, passando da richiami synth vagamente anni ’80 ad alcuni momenti che riportano a sonorità ascoltate in “Tozzi/Masini” ed anche sperimentali (il riferimento è ad “Heterogene”). Il disco si fa apprezzare anche per la qualità del suono: mixaggio e masterizzazione risultano molto più riuscite rispetto ad alcune delle più  recenti produzioni, e di questo il merito va condiviso con tutto il team che ha lavorato a questa produzione, con una citazione speciale per Raul Girotti, l’Over Studio ed i musicisti.  

 

Che cosa era lecito attendersi da un nuovo disco di Umberto Tozzi? Da uno che forse ha già scritto le pagine più belle della sua carriera e, che per sua stessa ammissione, difficilmente ripeterà certi capolavori del passato?  Belle ed ispirate canzoni d’amore e quelle ci sono, con interpretazioni molto sentite e coinvolgenti. Qualche riflessione con disincanto sui mali del mondo, alla Tozzi, senza grandi pretese ma valide, e ci sono anche quelle se pensiamo alla title track ed a “Hammamet”.  Il disco include in tutto 13 canzoni. Le novità, per il pubblico più affezionato, in realtà sono 10 visto che tre canzoni erano già state proposte nei live degli ultimi due anni. Tra queste spiccano, oltre alle già citate, “Nel dire si nel dire no”, “Eternel”, “Quell’inutile addio”, “Intorno a me”, “Che amore sia” e “Sarà per sempre”. Cosa fa di un disco un bel disco se non la presenza di belle canzoni? In questo album almeno 10 canzoni su 13 passano l’esame a pieni voti, per cui non temiamo di essere smentiti nel dire che “Ma che spettacolo” è un bel disco, senza voler stare a fare inutili paragoni con produzioni passate o con il periodo legato a Giancarlo Bigazzi. Questo è probabilmente il meglio che il Tozzi di oggi può dare al proprio pubblico e sinceramente non ci sembra poco.


Domenico, 31/10/2015



Attimi © 2006-2016
A tribute to Umberto Tozzi
SMF 2.0.13 | SMF © 2011, Simple Machines
Enotify by CreateAForum.com
TinyPortal © 2005-2012

Indietro all'articolo